Newsletter

sismometro

La rete sismometrica nazionale, costituita da circa trecento stazioni sul territorio italiano e gestita dal Centro Nazionale Terremoti (CNT) dell'IstitutoSismografo Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), effettua la sorveglianza sismica (7/24) per la determinazione dell'epicentro e della magnitudo dei terremoti anche di bassa magnitudo in tempo quasi-reale è gestita in Convenzione da INGV.     Consulta i terremoti recenti
La Magnitudo Richter  (1935) risponde alla necessità di esprimere in forma quantitativa e non soggettiva la "forza" di un terremoto e stima dell'energia sprigionata da un terremoto nel punto della frattura della crosta terrestre cioè all'ipocentro secondo i criteri indicati dal geofisico statunitense Charles Richter. La Magnitudo Richter, detta anche Magnitudo Locale  (Ml), si esprime attraverso il logaritmo decimale del rapporto fra l'ampiezza registrata da un particolare strumento, il pendolo torsionale Wood-Anderson, e una ampiezza di riferimento. Può essere calcolata solo per terremoti che avvengono a distanza minore di 600 km dalla stazione che ha registrato l'evento.

Tabella di gravità del terremoto

Tabella di gravità del terremoto
   Magnitudo 
    Richter     
                                                                       Effetti sisma
0- 1,9
Può essere registrato solo mediante adeguati apparecchi.
2- 2,9
Solo coloro che si trovano in posizione supina lo avvertono; un pendolo si muove.
3- 3,9
La maggior parte della gente lo avverte come un passaggio di un camion; vibrazione di un bicchiere.
4- 4,9
Viene avvertito da molti; un pendolo si muove notevolmente; bicchieri e piatti tintinnano; piccoli danni.
5- 5,9
Tutti lo sentono; molte fessurazioni sulle mura; crollo parziale o totale di poche case; pericolo per la popolazione.
6- 6,9
Tutti lo percepiscono; panico; crollo delle case; rischio maremoto; popolazione in pericolo.
7- 7,9
Panico; pericolo di morte negli edifici; solo alcune costruzioni rimangono illese; maremoto; popolazione colpita.
8- 8,9
Ovunque pericolo di morte; edifici inagibili; onde alte fino a 40 metri.
9- 9,9
Totale allagamento dei territori o spostamento delle terre e numerosissimi morti. Popolazione fortemente colpita.
10 o più
Particolari eventi di eccezionale gravità: spaccature della Terra, totale distruzione di strutture artificiali e maremoti.

         

Copyright © 2014. All Rights Reserved.